Posted on Lascia un commento

Servizio di aggiornamento DVR documento valutazione rischi Covid 19

Le aziende per poter riaprire devono aggiornare il DVR. Tale documento sarà arricchito da una serie di azioni e comportamenti atti a prevenire il rischio di infezione da SARS-CoV-2 nei luoghi di lavoro contribuendo, altresì, alla prevenzione della diffusione dell’epidemia.

Relativamente alle misure organizzative e logistiche da mettere in atto, è essenziale il coinvolgimento del medico competente fin dalle fasi di individuazione delle stesse anche in riferimento ad aspetti correlati ad eventuali fragilità. In questo contesto il medico competente assume il ruolo di sorveglianza sanitaria finalizzati alla tutela dello stato di salute e sicurezza dei lavoratori, in relazione all’ambiente di lavoro, ai fattori di rischio professionali e alle modalità di svolgimento dell’attività lavorativa.

L’attività di prevenzione nei luoghi di lavoro, sia nella fase di “lockdown” sia nella fase di riapertura delle attività produttive sospese in corso di pandemia da SARS-COV 2 ha un duplice obiettivo:

Tutela salute e sicurezza del lavoratore
Tutela della collettività

Possiamo aiutarti ad aggiornare il DVR richiedendo un preventivo a questa pagina del nostro store.

Condividi
error
Posted on Lascia un commento

Malta in Realtà Virtuale demo

Potete seguire il piccolo tour con un semplice auricolare per realtà virtuale. Per una migliore fruizione dei contenuti attivate la narrazione cliccando sull’icona impostazione in alto a desta ed attivando sottofondo.

L’associazione Iblea Formazione è attiva nella divulgazione delle conoscenze e realizza corsi interattivi immersivi anche con tracciamento LMS, destinati a K6, K12, Dipendenti, Scuole di ogni ordine e grado, Aziende, Enti Museali, Enti locali, Ordini Professionali.

Credit: MSR Iblea Formazione, Izi Travel, Bartolomeo Uccio Pazienza

Condividi
error
Posted on Lascia un commento

Mini Corso immersivo. La Raccolta differenziata in realtà virtuale

Un nostro piccolo corso in realtà virtuale (VR ) dedicato alle famiglie per una corretta gestione della raccolta differenziata.

Per una visione immersiva vi invitiamo di andare alla seguente pagina con il vostro smartphone e di munirvi di visore per realtà virtuale.

Il mini corso è senza audio.
Corso destinato alla famiglia, K6 – K12 – Ragazzi.
Costo: Gratuito.

Credit: Iblea formazione – Bartolomeo Uccio Pazienza – Esacom

Visore per realltà virtuale e video a 360.
Condividi
error
Posted on

Verifica codice attestato

I tuoi dati sono al sicuro e sono trattati in piena conformità alla Legge sulla Privacy.
Acconsento (flaggare la casella sotto)

captcha

Condividi
error
Posted on Lascia un commento

Rischi in Agricoltura. Sicurezza ed adempimenti obbligatori

I rischi in agricoltura rispondono a categorie molto diverse e possono riguardare sia eventi
infortunistici sia casi di malattie professionali.

A riguardo, si parla di rischi specifici poiché variano a seconda della tipologia di azienda agricola,
della struttura dell’ambiente e dei macchinari presenti, oltre alle sostanze utilizzate o prodotte.

Di seguito un elenco dei rischi specifici che generalmente vengono presi in considerazione:
• rischio stress lavoro correlato;
• rischio biologico;
• rischio chimico;
• rischio postura e mmc;
• rischio incendio;
• rischio rumore;
• rischio da utilizzo attrezzature;
• rischio vibrazioni;
• rischio Radon.

Per le aziende agricole con almeno un dipendente (con contratto di qualsiasi tipo) o con uno o più
soci lavoratori, la responsabilità degli adempimenti per la sicurezza sul lavoro in agricoltura
ricade sul Datore di Lavoro, che in caso di controlli dovrà essere in possesso di:

DVR : stesura del documento dei rischi generali e dei rischi specifici (rischio di incendio, rumore,
rischio chimico e vibrazioni, etc), nonché valutazione del rischio gravidanza e minori; inoltre dovrà
essere nominato un Medico Competente (MC), un RSPP e degli incaricati per l’attuazione delle
misure di prevenzione incendi, primo soccorso e gestione delle emergenze (con relativi attestati di
formazione).

Dovrà anche essere garantita la Sorveglianza Sanitaria ai lavoratori;

  • verbale di consegna dei dispositivi personali di protezione (calzature, guanti, protezione per il
    rumore, maschera con filtro, etc.)
  • registro infortuni (mod. aggiornato alla normativa vigente) vidimato dalla ASL territorialmente
    competente;
  • contratti d’appalto o di prestazione d’opera con relativi DUVRI ( Documento Unico
    Valutazione Rischi Interferenti) nel caso di affidamento a ditte terzi di lavori all’interno dell’area ;
  • piano d’emergenza aziendale con le misure da attuare in caso di lotta antincendio e di
    evacuazione dei lavoratori in caso di pericolo grave ed immediato, che andranno commisurate alla
    natura dell’attività, alle dimensioni dell’azienda e al numero di persone presenti.

Nel caso l’azienda tratti prodotti destinati al consumo (come carne, latte, frutta e ortofrutta, verdure e prodotti vari) dev’essere in possesso del manuale di autocontrollo HACCP. Il datore deve anche svolgere un corso specifico, periodiche analisi di laboratorio sugli alimenti e manovre di disinfestazione e derattizzazione.

Oltre alla parte documentale, vi sono poi alcune misure di prevenzione dei rischi nelle aziende agricole da attuare:

  • ambienti di lavoro sicuri e igienicamente idonei;
  • informazione, formazione e addestramento dei lavoratori sui rischi;
  • formazione per abilitazione alle macchine e attrezzature;
  • dotazione dei dispositivi di protezione e marcatura CE su macchine e attrezzature ;
  • cassetta di primo soccorso (di grandezza variabile, in base al numero di addetti presenti);
  • estintori (numero variabile secondo la grandezza dei locali).

Formalmente il DVR deve essere elaborato:

TEMPI ELABORAZIONE DVR
per “nuove Imprese” entro 90 giorni;
per “modifiche” entro 30 giorni,
ma “tecnicamente” tali termini si riducono a “immediato”

Video esplicativo realizzato in seguito ad un’indagine conoscitiva sulla percezione del rischio per la salute e sicurezza in lavoratori immigrati, che operano nel territorio mantovano e cremonese.

Il video rappresenta un utile supporto alla formazione e informazione relativamente ai principali rischi presenti nel settore agricolo. Per DVR e Formazione vi rimandiamo al negozio. Compilate i campi e sarete ricontattati.

Condividi
error
Posted on Lascia un commento

Le 3 cause della disoccupazione

Le cause della disoccupazione possono essere suddivise in tre categorie generali:

  • Calo della domanda di lavoro a causa della recessione a livello macroeconomico,
    con conseguente disoccupazione di domanda.
  • Assenza di informazioni (asimmetria) da parte di soggetti in cerca di lavoro e datori di lavoro, ad esempio quando un soggetto lascia una posizione per cercarne un’altra.
  • Disparità tra le qualità e competenze che i datori di lavoro cercano in un dipendente e le capacità e competenze (Skill) che le persone in cerca di lavoro possiedono

Secondo la legge di Okun, quando la disoccupazione diminuisce dell’1%, il PIL migliora del 2%, il che significa che un aumento dell’occupazione produce notevoli effetti economici.

Condividi
error
Posted on

PON Cinquanta milioni per il contrasto della dispersione scolastica e della povertà educativa

Cinquanta milioni per il contrasto della dispersione scolastica e della povertà educativa nelle scuole del primo e del secondo ciclo di 292 aree territoriali particolarmente a rischio, individuate nelle Regioni  Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia.

Si tratta di risorse PON che, per la prima volta, saranno accessibili anche alle scuole paritarie non commerciali. Una novità che prende le mosse dal lavoro avviato nel 2017 dal MIUR per garantire anche alle scuole del sistema paritario di accedere alle risorse europee, concluso di recente con la modifica dell’Accordo di partenariato e del Programma operativo nazionale 2014-2020.

L’Avviso mette a disposizione risorse fino a 32.000 euro per ogni istituto, statale o paritario, per potenziare le competenze di base, ma anche le conoscenze digitali e in materia di cittadinanza. Sono previsti anche moduli didattici con il coinvolgimento dei genitori.

Sarà possibile attivare oltre 1.500 moduli di 30 ore ciascuno e intervenire in questo modo sulle situazioni potenzialmente più delicate di fallimento formativo precoce e di povertà educativa. Le scuole paritarie verranno accompagnate in questa importante innovazione tramite momenti di formazione in rete e in loco.

Le scuole potranno presentare i progetti esclusivamente on line, all’indirizzo http://www.istruzione.it/pon/ dalle ore 10.00 del 15 settembre 2019 alle ore 15.00 del 21 ottobre 2019.

Le proposte progettuali potranno riguardare il potenziamento delle aree disciplinari di base (Italiano, Matematica, Scienze, Lingue straniere, nuove tecnologie e nuovi linguaggi) e il rafforzamento delle competenze di base: alfabetica funzionale, multilinguistica, STEM (Scienze, Tecnologie, Ingegneria e Matematica), personale e sociale, imprenditoriale, in materia di cittadinanza, in materia di consapevolezza ed espressione culturale.

Avviso pubblico per la realizzazione di progetti volti al contrasto del rischio di fallimento formativo precoce e di povertà educativa

Fonte MIUR

Condividi
error
Posted on

Documento di Valutazione dei Rischi (DVR)

La valutazione dei rischi è uno degli obblighi principali di ogni Datore di Lavoro (art.li 17, 28 e 29 D.Lgs 81/08).

Per effettuare la valutazione dei rischi di una realtà lavorativa occorre individuare tutti i pericoli connessi all’attività svolta e quantificare il rischio, ossia la probabilità che ciascun pericolo si tramuti in danno, tenuto conto dell’entità del potenziale danno.

Il Datore di Lavoro ha l’obbligo di effettuare la valutazione dei rischi in forma scritta, elaborando un documento denominato “Documento di Valutazione dei Rischi” o “DVR”

La normativa in vigore stabilisce che elaborare tale documento è obbligatorio per tutte le aziende che abbiano almeno un dipendente, con l’obiettivo di prevenire e ridurre i rischi per la salute e la sicurezza dei lavoratori, tuttavia sono esonerate dall’obbligo di redigere il DVR le aziende che non hanno dipendenti, ovvero:

  • liberi professionisti;
  • imprese familiari;
  • ditte individuali;
  • aziende con un solo socio lavoratore.

Va ricordato però che l’obbligo della redazione del documento valutazione dei rischi vige anche negli istituti scolastici, dove il dirigente scolastico ha è incaricato di redigere l’apposito DVR per i rischi presenti nella scuola.

Richiedi un preventivo personalizzato

Fonte: www.sicurezzalavororoma.it

Condividi
error
Posted on

Benvenuto in Iblea formazione

Benvenuto in MSR Iblea Formazione. Sei sei una impresa agricola, artigianale, dei servizi, del commercio o semplicemente un libero professionista attraverso questa piattaforma potrai accedere facilmente alla formazione obbligatoria, specialistica e personalizzata.

Condividi
error